• Homepage
  • >
  • Gallery
  • >
  • Steve Rothery Band – recensione e fotogallery concerto 13 marzo 2018, teatro Dal Verme, Milano

Steve Rothery Band – recensione e fotogallery concerto 13 marzo 2018, teatro Dal Verme, Milano

  • by Guido Bellachiona
  • 1 Month ago
Quelle note magiche che profumano d’altri tempi
Testo: Antonio De Sarno
Un Teatro Dal Verme non gremito stasera per la data italiana della Steve Rothery Band. Concerto puntualissimo al punto che molti hanno perso il gruppo di apertura, capitanato dall’ambiguo Stijn Grul, il quale ha presentato l’interessantissimo ep, Roses, vagamente sulla falsariga dei Knifeworld ma molto più abbordabili.
La SRB inizia quindi con una buona selezione di brani da Ghosts of Pripyat (Morpheus, Kendris, Old Man Of The Sea e la blueseggiante Summer’s End) prima di eseguire integralmente l’ultimo album fishiano dei Marillion, quel Clutching At Straws che trent’anni fa segnò la fine di un’era.
Esecuzioni memorabili e, per rendere l’occasione ancora più interessante le versioni dal vivo di Going Under, b-side dell’epoca e Just For The Record, brano mai eseguito dal vivo.
Martin Jakubski, cantante della cover band Stillmarillion, esegue in maniera egregia un repertorio piuttosto impegnativo e nel giro di pochi minuti è facile dimenticarsi che non stiamo assistendo a un concerto dei Marillion vecchio stampo.
Steve è particolarmente in forma ma anche l’italianissimo Riccardo Romano (Ranestrane) alle tastiere non fa certo rimpiangere Mark Kelly. L’unica differenza rispetto alla proposta originale è la presenza di un secondo chitarrista, Dave Foster dei Mr So and So, vecchi amici di Steve.
L’illusione è perfetta. La macchina del tempo funziona alla grande.
Il secondo tempo è all’insegna delle sorprese ( si fa per dire…) e quindi Cinderella Search, seguita da una sempre suggestiva Incubus, brano cardine del secondo album, e Steve che annuncia, scherzosamente, che “adesso facciamo qualcosa di molto vecchio, una b-side….ma non Grendel!” e quindi Three Boats Down For The Candy e la festa diventa veramente tale con Steve che, preoccupato per l’ora, chiede al pubblico di scegliere tra due sequenze di canzoni, il trittico di Misplaced Childhood oppure il medley di Garden Party e Market Square Heroes…optando per quest’ultimo c’è tempo per un ultimo bagno di sudore prima di essere tele-trasportati nuovamente nel 2018.
Steve Rothery – GuitarDave Foster – Guitar (Mr. So & So)Yatim Halimi – Bass (Panic Room)Leon Parr – Drums (Mr. So & So)Riccardo Romano – Keyboards (RanestRane)Martin Jakubski – Lead vocals (Stillmarillion)
  • facebook
  • googleplus
  • twitter
  • linkedin
  • linkedin
  • linkedin