La banda suona il rock. 16 giugno a Villa Pamphili, Roma

  • by Guido Bellachiona
  • 10 Days ago

– comunicato stampa

sabato 16 giugno alle ore 19.00 a Villa Pamphili, Roma (Ingressi Via Vitellia 102 – Via Leone XIII)

LA BANDA SUONA IL ROCK 

Banda Musicale del Corpo di Polizia Locale di Roma – Direttore Nello Giovanni Maria Narduzzi – Arrangiamenti Pietro Alegiani

PROGRAMMA

Argento in musica. I Suoni della Paura

“Piume di Cristallo” E. Morricone – “Tenebre” C. Simonetti, M. Morante, F. Pignatelli – “Opera” C. Simonetti – “Phenomena” C. Simonetti – “Come un Madrigale” E. Morricone – “Mater Tenebrarum” K. Emerson – “Profondo Rosso” Goblin – G. Gaslini

Banco – “Traccia II”

Metamorfosi “Selva Oscura”

Banco “750.000 anni fa….l’amore?”

Banco “R.I.P.”

Reale Accademia di Musica “Il mattino”

Rovescio della Medaglia “Cella 503”

Osanna “Oro caldo”

Osanna ” L’uomo”

Osanna “Preludio”

Era di Acquario ” Campagne siciliane”

Franco Battiato “Areknames”

Le Orme “Collage”

Le Orme “Gioco di bimba”

P.F.M. “E’ festa”

Le Orme ” Sguardo verso il cielo”

New Trolls ” Adagio”

New Trolls ” Allegro”

P.F.M. ” Impressioni di settembre”

A partire dagli inizi degli anni ‘60, con epicentro nel mondo anglosassone, assistiamo ad una rapida diffusione, soprattutto a livello giovanile, di un tipo nuovo di musica popolare, di intrattenimento, che si discosta, pur traendone origine, dalle musiche afroamericane quali blues, jazz, rhythm’n’blues. Trainato dal fenomeno Beatles, il rock assumerà connotati che travalicheranno il semplice significato musicale per assumere contorni più ampiamente culturali, sociologici e politici. La musica rock diventa un veicolo di espressione e riconoscimento per un’ampia fetta del mondo giovanile divenendo in brevissimo tempo un elemento significativo dal punto di vista culturale delle società occidentali. In Italia, anche se con ritardo e ostacolato dalle difficoltà linguistiche, il rock prenderà forme originali e si contaminerà con alcuni tratti musicali caratteristici del nostro Paese. Infatti, dopo i primi esperimenti imitativi dei gruppi beat nostrani, negli anni ’70 emergeranno una serie di gruppi e solisti di notevole spessore che proporranno una musica con caratteri e dalle forme alquanto originali pur in presenza di una chiara ispirazione d’oltremanica.

Proprio grazie all’evoluzione del rock in Gran Bretagna, che sul finire dei ‘60 inizia a sviluppare forme sonore elaborate, con impianti talvolta orchestrali e con forti richiami al mondo classico accademico, il rock italiano riesce ad imporsi con originalità anche in campo internazionale. Il Progressive, il genere cosi denominato che caratterizza un certo tipo di rock molto complesso, fatto di quadri, interludi, suite e passaggi che ricordano le composizioni classiche e che per proprio per questo prevede un alto livello di tecnica musicale, permette a molti musicisti italiani di coniugare il tipico gusto per la melodia, il retroterra classico, le sperimentazioni contemporanee con le sonorità rock riuscendo nell’intento di creare una musica affatto diversa dalla più recente storia musicale italiana. Questo approccio creativo, sperimentale e proficuo, avrà ripercussioni anche nel mondo cantautoriale che, negli stessi anni, trovava una grande diffusione tra i giovani e non solo. Né va dimenticato che un personaggio come Ennio Morricone, a partire dalla metà degli anni ’60 grazie alle sue colonne sonore, aveva già di fatto notevolmente influenzato proprio il mondo del rock anglosassone e quindi contribuito all’evoluzione di un genere, quello appunto delle musiche da film, che negli anni ’70 porterà con sé forti tratti caratteristici di un certo rock vicino alle esperienze progressive sia italiane che anglosassoni.

La Banda Musicale della Polizia Locale di Roma propone una sua lettura del fenomeno del rock all’italiana, sulla base di arrangiamenti ed elaborazioni originali in grado di far rivivere atmosfere e sensazioni di un genere, con la poliedricità e le sonorità tipiche di un ensemble orchestrale di alto livello. Il programma abbraccia un’ ampia gamma di musiche e di artisti in modo da creare un filo conduttore e, allo stesso tempo, rendere merito e omaggio ad una musica che ha dato lustro all’Italia e alla città di Roma. Si va dal Progressive Rock di gruppi famosi come la Premiata Forneria Marconi, le Orme, il Banco del Mutuo Soccorso ed altri meno noti, alle colonne sonore dei film di Dario Argento, piccoli capolavori di un rock all’insegna del thriller e del mistero.

  • facebook
  • googleplus
  • twitter
  • linkedin
  • linkedin
  • linkedin