• Homepage
  • >
  • Festival
  • >
  • Resoconto della Fiera Italiana della Musica 2018: Prog On!

Resoconto della Fiera Italiana della Musica 2018: Prog On!

  • by Guido Bellachiona
  • 2 Months ago
La Sesta Edizione del FIM si è tenuta da giovedì 31 maggio 2018 a domenica 3 giugno 2018 presso Piazza Città di Lombardia, situata al centro del nuovo palazzo della Regione Lombardia a Milano.
Testo e foto di Antonio De Sarno
La storia della FIM giunge a una fase quasi “istituzionale” all’interno della struttura imponente del nuovo Palazzo della Regione Lombardia. Una mole enorme di vetro e cemento che schiaccia anche l’ultimo residuo della dimensione “umana” della manifestazione. Quindi, tralasciando la ‘fiera’ in quanto tale, approdiamo all’Auditorium, destinato a conferenze di una certa rilevanza, ma che stasera ospita Prog On, serata clou della sesta edizione: momento centrale è il concerto degli Anekdoten, gruppo svedese molto apprezzati dagli appassionati del prog oscuro di matrice crimsoniana.
Il loro set non delude e gli equilibri all’interno del gruppo, con la figura del chitarrista Marty Wilson-Piper (Church, All About Eve) ormai consolidata, ci sottolineano quanta sia ben rodata oggi questa potente macchina da guerra. Una musica visionaria che ha il gusto del presente filtrato dalla sensibilità dei nostri. Una scaletta per tutti i gusti che non può non rendere tributo al disco di esordio di 25 anni fa, VEMOD.

I problemi, però, non sono mancati e, evidentemente, qualche riflessione andrebbe fatta. Innanzitutto non fa bene la coincidenza temporale con un altro festival  (tra l’altro gratis) nel raggio di pochi chilometri avrà sicuramente contribuito a dividere il pubblico, in un fine settimana festivo. Qualche polemica ha anche a toccato gli artisti stessi, costretti a interrompere il loro set (Hollowscene) o invertire lo stesso (Hollowscene e Prowlers). Le polemiche sono state espresse, in questo caso dallo stesso palco, e l’energica ed entusiasmante esibizione della Fabbrica dell’Assoluto ha placato solo in parte il senso di disagio che si era creato. Forse qualche spiegazione avrebbe alleggerito l’atmosfera, ma forse i tempi non lo avrebbero permesso. Una manifestazione da portare avanti con qualche correttivo, inevitabile nei progetti quando s’ingrandiscono e cambiano in parte pelle.

 

  • facebook
  • googleplus
  • twitter
  • linkedin
  • linkedin
  • linkedin