• Homepage
  • >
  • News
  • >
  • I matilda mothers project pubblicano ZEROTWOZERO

I matilda mothers project pubblicano ZEROTWOZERO

  • by Guido Bellachioma
  • 29 Days ago

2000 – La visione caleidoscopica

Il progetto musicale matildamothersproject (mmp) nasce nel 2000 dall’incontro e dalla fusione di due gruppi già noti nel panorama romano e non solo: i Matilda Mothers, che già dal nome tradiscono l’ispirazione psichedelica e la voglia di sperimentare partendo dalle solide radici degli anni Sessanta e Settanta, e gli Ezra Winston, apprezzato ensemble progressive che tra l’altro vanta nella sua storia discografica collaborazioni con nomi prestigiosi (su tutti Aldo Tagliapietra).

Dall’unione di forze e idee parte un lungo viaggio musicale: punto di partenza e di arrivo è la trascendenza spazio-temporale dei concetti musicali classici del blues, e dell’ego (o identità) che caratterizza il rock classico e il prog. Per mmp è proprio questa la sfida: trascendere ciò che ormai tutti considerano trascendente.

Nel 2001 i mmp compongono e suonano la colonna sonora del film l’Ultima Lezione di Fabio Rosi (Globo d’oro italiano come miglior film esordiente). Il lavoro confluirà poi nella produzione del successivo Synthesis, album pensato e sentito come musica che punta ad aprire la mente di chi ascolta per liberarlo dai consueti modelli di sonorizzazione delle immagini.

Nell’esperienza di questa visione caleidoscopica le strutture musicali proposte da una lettura classica riemergono da un bagno di piacere surreale che apre a una nuova consapevolezza: non più la chiarezza di una rivelazione intuitiva ma la meraviglia nella scoperta di una stella lontana. Nei vent’anni che seguono ciascuno dei mmp intraprende diversi viaggi di esplorazione individuale alla ricerca della luminosità profonda, senza rinunciare ad apparizioni live e a nuove sonorizzazioni di cortometraggi o pubblicità.

2020 – La cometa più luminosa nella mano di chi ascolta

Nel vuoto c’è silenzio ma non è detto che il silenzio sia vuoto. Durante il lockdown imposto dal COVID-19, i mmp si mettono al lavoro sul nuovo album “ZEROTWOZERO”, attualmente in fase di registrazione.  Per i due singoli previsti la scelta cade sull’inedita Untraceable Man e sul remake della celeberrima Goldfinger di John Barry, che nel frattempo diventa anche un saluto a Sean Connery.

Goldfinger è la rilettura del thema principale dell’omonimo film su 007, firmato da John Barry.

Soggetti e oggetti tornano insieme, cambiandosi uno nell’altro: si trasformano, si uniscono e si fondono di nuovo senza separarsi o disperdersi.

Con le nuove tecnologie digitali – opportunità piuttosto che limite – gli strumenti musicali sono quindi ammirati, adorati, analizzati, esaminati, stravolti, resi belli (o magari brutti), grandi o piccoli, importanti o banali, utili e perfino pericolosi; comunque magici o incomprensibili.

I matildamothersproject danzano e cantano con essi e per essi. La mente è la stella guida, la cometa più luminosa che vuole prendere forma e luce, senso o qualità nel palmo della mano di chi ascolta.

Link

https://www.matildamothersproject.com

  • facebook
  • googleplus
  • twitter
  • linkedin
  • linkedin
  • linkedin